HomeNewsComunicazioni dall’Ordine Adempimenti normativi nuova classificazione sismica Città Metropolitana di Genova - Denuncia ex art. 104, D.P.R. 380/2001

Adempimenti normativi nuova classificazione sismica Città Metropolitana di Genova - Denuncia ex art. 104, D.P.R. 380/2001

Carissimi colleghi,

la Città Metropolitana di Genova, con pec prot. n. 39054 del 18/07/2017, relativamente al territorio di competenza, ha trasmesso all'Ordine una circolare con alcuni chiarimenti sull'applicazione della norma e con le modalità di predisposizione ed invio della denuncia ex art. 104, DPR 380/2001 e della dichiarazione del progettista ex art. 18, L.R. 63/2009.

Il tutto è stato immediatamente pubblicato sul sito dell'Ordine al seguente link e sono stati attivati i canali istituzionali di interlocuzione diretta con gli enti pubblici coinvolti (Regione e Città Metropolitana).

Nella circolare, tra l'altro, è indicato quali lavorazioni sono soggette, precisando che, nelle zone dove non c'è stata variazione del rischio sismico (es. zona 3 che resta zona 3), non si deve inviare alcuna denuncia. Neppure è previsto l'invio della denuncia e/o della dichiarazione del progettista per gli interventi privi o di minor rilevanza ai fini sismici definiti dalla D.G.R. n. 804/2016 - Allegato 2, tra cui gli interventi locali o di riparazione (paragrafo 8.4.3 delle norme tecniche allegate al  D.M. 14/01/2008), ad eccezione degli interventi effettuati su opere strategiche/sensibili.

Per quelli soggetti, dal giorno 19.7.2017 decorrono i 15 giorni di tempo per inviare la denuncia prevista dall'art. 104, comma 1 del D.P.R. 380/2001 (salvo eventuali modifiche normative dell'ultimo momento).

La norma non chiarisce se e in quali termini debbano essere sospese le opere in corso interessate dalla disposizione in oggetto, per cui si consiglia di operare con cautela; un autorevole riferimento sono le dichiarazioni dei Consiglieri Regionali Costa e Muzio, conseguenti alla modifica dell'art. 18 della L.R. 63/2009, secondo le quali non sussiste l'obbligo di fermare i lavori se, oltre alla denuncia, viene inviata anche la dichiarazione del progettista che attesta la capacità della struttura di resistere agli effetti delle accelerazioni sismiche desunte dal reticolo dei parametri sismici dell'allegato B al decreto del Ministero delle Infrastrutture 14 gennaio 2008.

Se vengono seguite con scrupolo le indicazioni della circolare, allegando la dichiarazione del progettista alla pec della denuncia, gli Uffici della Città Metropolitana potranno autorizzare la prosecuzione delle opere in brevissimo tempo, ai sensi del comma  3 del citato art. 104 (che, tra l'altro, impone di ultimare l'opera entro due anni dalla data del provvedimento di classificazione).

L'invio della denuncia priva della dichiarazione del progettista è consentita, ed evita la sanzione penale, ma non permette agli uffici preposti ai controlli di evadere rapidamente la pratica, perché devono eseguire l'anche accertamento.

La dichiarazione del progettista ex art. 18, L.R. 63/2009, che si invita calorosamente a redigere ed inviare, costituisce attività professionale extra rispetto all'incarico di progettista dell'opera (o di direttore dei lavori, qualora provveda lui assumendo la funzione di progettista in corso d'opera), determinando il diritto ad un compenso ulteriore, da pattuire nei termini di legge.

La denuncia, invece, costituisce un obbligo per il professionista, a prescindere dalla volontà del cliente, e rientra nei doveri già assunti con l'incarico, ivi compreso quello di spiegare al cliente la situazione e di proporre la migliore soluzione.

Se ritieni di comunicare commenti, suggerimenti ed eventuali richieste di chiarimento, così da consentirci di pubblicare le FAQ sul sito dell'Ordine, clicca sul seguente link.
 
La nostra proposta di posticipare di due anni l'entrata in vigore della Deliberazione regionale per i lavori in corso non è stata per ora accolta dalla Regione, ma non si esclude un intervento nei prossimi giorni.
 
L'Ordine degli Ingegneri di Genova, come è noto, partecipa attivamente alla lotta contro le disposizioni normative che producono molta burocrazia e pochi risultati in termini di tutela degli interessi collettivi, come riteniamo essere l'art. 104 del D.P.R. 380/2001.
Un approfondimento è contenuto su A&B 3-4/2017.
 
Segretario Ordine Ingegneri Genova
Ing. Enrico Sterpi
3493573827
 
Presidente Ordine Ingegneri Genova
Ing. Maurizio Michelini
3358098459
 

Cosa è l'Ordine

Cosa è l'Ordine
I compiti e le funzioni dell'Ordine degli Ingegneri

Leggi

Codice deontologico

Deontologia
Il Codice Deontologico dell'Ingegnere professionista

Leggi

Come navigare questo sito

Come navigare questo sito
Come navigare al meglio il sito dell'Ordine in ogni sua sezione

Leggi

Vai all'inizio della pagina